Tag Archives: banca

Home   Tag: banca

Warning successivo e responsabilità dell’intermediario

NEWS WARNING SUCCESSIVO E RESPONSABILITA’ DELL’INTERMEDIARIO La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 4727 del 28 febbraio 2018, non solo ha confermato il principio secondo il quale spetta alla Banca l’onere di fornire la prova di aver informato il Cliente sui rischi del prodotto finanziario venduto, ma ha statuito che provare di aver dato al Cliente un warning relativo al fatto che il titolo era privo di rating non la esonera comunque da responsabilità, nel caso in cui l’assenza di rating era una caratteristica originaria del prodotto venduto, per cui la mancata disponibilità fin dal principio di questa informazione aveva inciso sulla preventiva conoscenza da parte dell’investitore del profilo del […]

Operatore qualificato ed obblighi della banca di informazione, segnalazione di inadeguatezza ed astensione ad operare

OPERATORE QUALIFICATO ED OBBLIGHI DELLA BANCA DI INFORMAZIONE, SEGNALAZIONE DI INADEGUATEZZA ED ASTENSIONE AD OPERARE L’art. 26 del Regolamento CONSOB 16190/07 ed il relativo allegato n° 3, oggi vigenti, definiscono cliente professionale (già operatore qualificato) quel cliente che possiede l’esperienza, le conoscenze e la competenza necessaria per prendere consapevolmente le proprie decisioni in materia di investimenti e di valutare correttamente i rischi che assume. E catalogano clienti professionali di diritto – che sono i soggetti autorizzati o regolamentati ad operare nei mercati finanziari – le imprese di grandi dimensioni che presentino determinati requisiti dimensionali e gli investitori istituzionali la cui attività principale è quella di investire in strumenti finanziari e […]

La responsabilità solidale della Banca per l’operato del promotore finanziario

LA RESPONSABILITA’ SOLIDALE DELLA BANCA PER L’OPERATO DEL PROMOTORE FINANZIARIO Con la sentenza n° 110 pubblicata il 14.03.2017 il Tribunale di Belluno ribadisce il principio della responsabilità solidale della Banca per l’operato del promotore finanziario. La fattispecie decisa era del tutto particolare poiché riguardava la condotta di un promotore finanziario, il quale, pur non in possesso di formale incarico, aveva agito in nome e per conto di una Banca, stipulando contratti su moduli a lei riferentesi e consigliando ed eseguendo acquisti di prodotti finanziari emessi da quella Banca o comunque a lei collegati. Il promotore scompariva però improvvisamente, tanto che la cronaca del giornale locale ipotizzava “una fuga all’estero per […]

La dichiarazione di operatore qualificato non impedisce al Cliente di ottenere dalla banca il risarcimento del danno patito dalla perdita per l’investimento rischioso

Parere reso a privato LA DICHIARAZIONE DI OPERATORE QUALIFICATO NON IMPEDISCE AL CLIENTE DI OTTENERE DALLA BANCA IL RISARCIMENTO DEL DANNO PATITO DALLA PERDITA PER L’INVESTIMENTO RISCHIOSO La Banca deve prestare gli obblighi di diligenza, di correttezza e trasparenza, di informazione, di comunicazione della inadeguatezza delle singole operazioni in quanto non ha nessuna rilevanza ai fini risarcitori la dichiarazione del Cliente di godere di un’elevata conoscenza relativamente a tutti i prodotti finanziari, di essere cioè quello che si definisce in gergo “operatore qualificato”. Il caso in oggetto riguarda l’esecuzione di alcune operazioni in strumenti finanziari (swap) dal quale è emerso un grave danno patrimoniale per il Cliente. Il reclamo del […]

Swap: la Banca risarcisce il Cliente se non prova la funzione di copertura del contratto di Interest Rate Swap

SWAP: LA BANCA RISARCISCE IL CLIENTE SE NON PROVA LA FUNZIONE DI COPERTURA DEL CONTRATTO DI INTEREST RATE SWAP Il Tribunale di Milano Sesta Sezione Civile, con la sentenza n° 10049 del 13.09.2016, conferma quell’orientamento della giurisprudenza per il quale la Banca deve risarcire il Cliente se nel corso del giudizio non prova la funzione di copertura dell’eseguito contratto di Interest Rate Swap. Il principio è puramente processuale e prescinde dalla esistenza o meno della operazione finanziaria di finanziamento, mutuo o leasing da coprire con il derivato. La Banca, in questi casi, risarcisce il Cliente per il solo fatto di non avere prodotto in giudizio il contratto di finanziamento, mutuo […]

Swap: la banca risarcisce il cliente se non lo informa continuamente sulla rischiosità dell’operazione

SWAP: LA BANCA RISARCISCE IL CLIENTE SE NON LO INFORMA CONTINUAMENTE SULLA RISCHIOSITA’ DELL’OPERAZIONE Obblighi rafforzati per la banca nell’esecuzione dei contratti di swap o comunque su derivati. La Prima Sezione Civile della Cassazione con la sentenza 17440, depositata il 31.08.2016, conferma la tutela allargata che la banca deve garantire ogni volta che esegue contratti di swap o comunque su derivati. Anche quando l’operazione sia palesemente ed esclusivamente speculativa e le parti “giochino” sull’effetto leva. Nell’esecuzione dei contratti di swap o su derivati, quali ad esempio futures e options, la banca deve informare continuamente, anche in modo dissuasivo contro il proprio interesse, sulla rischiosità dell’operazione. Laddove questa informazione manchi la […]

Dall’Archivio: Banca condannata per lite temeraria

DALL’ARCHIVIO: BANCA CONDANNATA PER LITE TEMERARIA Estraiamo dall’archivio la sentenza 545/1997, con la quale il Tribunale di Belluno, decidendo in un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, dopo aver revocato il decreto ingiuntivo, condannava la banca convenuta opposta a pagare a favore del debitore opponente l’importo di £ 200.000.000 a titolo di lite temeraria. La sentenza è importante perché costituisce un primo esempio di “sentenza punitiva” oggi assai di moda nel contenzioso bancario. La peculiarità risiede nel fatto che il punito non è, come accade nella quasi totalità dei casi, il cliente, ma la banca. La fattispecie peraltro era molto particolare, ma attuale anche in relazione al thema decidendum, che […]

Conflitto di interessi e diritto del cliente al rimborso dell’intera somma addebitata per l’acquisto di prodotti finanziari emessi dalla stessa banca

CONFLITTO DI INTERESSI E DIRITTO DEL CLIENTE AL RIMBORSO DELL’INTERA SOMMA ADDEBITATA PER L’ACQUISTO DI PRODOTTI FINANZIARI EMESSI DALLA STESSA BANCA La banca che ha consigliato al cliente ed eseguito l’acquisto di un fondo comune di investimento gestito dalla stessa, anche mediante società collegata e/o controllata, deve restituire al cliente l’intera somma addebitata per la sottoscrizione di tale fondo. Questo è il principio fatto proprio dalla sentenza del Tribunale di Venezia Sez. I civ. n. 1293/2015 pubblicata il 15.04.2015 ai sensi della quale deve ritenersi integrata la violazione da parte della Banca delle norme speciali, anche regolamentari, che disciplinano l’intermediazione finanziaria nella parte relativa al conflitto di interessi, quando la […]

Banca e prodotti acquistati per il cliente in conflitto di interessi

BANCA E PRODOTTI ACQUISTATI PER IL CLIENTE IN CONFLITTO DI INTERESSI Con sentenza 1293/2015 il Tribunale di Venezia ha deciso su un caso di operazione finanziaria eseguita dalla Banca in conflitto di interessi, statuendone l’inadeguatezza, e, di riflesso, condannando la Banca al risarcimento dei danni cagionati oltre a tutte le spese di lite. Il caso era eclatante. La Banca aveva investito l’intero patrimonio del cliente in due fondi comuni di investimento gestito da soggetto ad essa collegato, ma ben presto i due fondi venivano liquidati d’ufficio dal gestore, determinando una perdita al cliente di circa il 50% dell’intero patrimonio investito. Lo Studio Legale de Castello ha promosso azione nei confronti […]