Da 25 anni una delle realtà professionali più significative del mercato legale veneto


decastello_home

Lo Studio Legale de Castello oggi de Castello & C. Società tra Avvocati s.r.l., è composto dagli avvocati Valentino de Castello e Cecilia Franciosi e si avvale della collaborazione di Avvocati, Commercialisti, Analisti Finanziari e Notai, oltre ai propri dipendenti. Ha la sede legale in Belluno Viale Roma n. 12 - Ponte nelle Alpi, sede operativa a Treviso Viale IV Novembre nr. 15 e recapiti a Milano, Padova, Trieste, Udine, Venezia e Verona. Ha inoltre recapito di Studio a Roma, per l'operatività in Cassazione.


Le controversie oggetto di cessione dalle Banche Venete a Intesa San Paolo

LE CONTROVERSIE OGGETTO DI CESSIONE DALLE BANCHE VENETE A INTESA SAN PAOLO Con la sentenza n° 503/2018 del 18.04.2018 il Tribunale di Udine interviene sulla questione delle controversie oggetto di cessione dalle Banche Venete a Intesa San Paolo, decidendo che per le controversie già pendenti alla data della cessione 26.06.2017 nei confronti di una delle due Banche Venete sottoposte a liquidazione coatta amministrativa, avente ad oggetto domande di restituzione di importi illegittimamente addebitati in esecuzione di un contratto di conto corrente, legittimata passiva nel giudizio di riassunzione è Intesa San Paolo, indipendentemente dalla circostanza se il contratto sia già estinto o meno, in ossequio al principio per cui in caso […]

Inadeguatezza dell’investimento per dimensione ed obbligo di astensione della Banca

Parere INADEGUATEZZA DELL’INVESTIMENTO PER DIMENSIONE ED OBBLIGO DI ASTENSIONE DELLA BANCA Vengo richiesto di un parere sulla questione relativa all’inadeguatezza di un investimento in titoli dello stesso tipo (azionari) e dello stesso settore (bancario) con particolare riferimento al profilo dimensionale nonché all’eventuale obbligo della Banca di astensione dall’operazione. La materia è compiutamente disciplinata dal T.U.F. e dalle relative norme regolamentari di attuazione CONSOB oltre che da una serie di circolari ABI. La diversificazione dell’investimento, nel senso di una suddivisione dell’investimento in più prodotti è la regola che ogni intermediario finanziario deve seguire per la Clientela, anche quella con propensione al rischio “alta”. La giurisprudenza si è più volte pronunciata a […]

Nullità della fideiussione bancaria per violazione delle norme antitrust

NULLITA’ DELLA FIDEIUSSIONE BANCARIA PER VIOLAZIONE DELLE NORME ANTITRUST LEGGI IL CONTENUTO DELL’ARTICOLO PUBBLICATO IN ILSOLE24ORE.COM  

La valutazione di adeguatezza per la prestazione di servizi su strumenti finanziari in regime di cointestazione

Parere LA VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI SU STRUMENTI FINANZIARI IN REGIME DI COINTESTAZIONE Vengo richiesto di un parere sulla questione relativa alle modalità con le quali la Banca deve procedere alla valutazione di adeguatezza dell’operazione finanziaria nel caso di prestazione di servizi su strumenti finanziari in regime di cointestazione. In particolare mi viene chiesto se nell’eseguire l’operazione finanziaria di un conto cointestato la Banca debba tenere conto del profilo di rischio di uno solo o parte dei cointestatari o dei profili di rischio di tutti i cointestatari. Nella prassi le Banche, in caso di cointestazione di un contratto per l’operatività su strumenti finanziari, procedono ad una […]

Le commissioni di massimo scoperto

LE COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Con sentenza n°16303 del 20.06.2018 le Sezioni Unite della Suprema Corte risolvono la questione della rilevanza o meno della commissione di massimo scoperto ai fini del calcolo TEG, alla luce dei contrasti giurisprudenziali tra la Seconda Sezione Penale e la Prima Sezione Civile della Cassazione e delle norme speciali, anche regolamentari, in vigore ante 1 gennaio 2010, prima dell’applicazione della disciplina di cui all’art. 2 bis D.L. 185/2008 convertito con la L. 2/2009. La Seconda Sezione Penale della Cassazione ritiene infatti, al fine di determinare la fattispecie di usura, rilevanti tutti gli oneri sopportati dal Cliente per il credito concesso (tra cui le CMS), mentre […]

Liquidazione coatta amministrativa di Banca ed eventuale ritorno in bonis

LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DI BANCA ED EVENTUALE RITORNO IN BONIS Con la sentenza n. 887/2018 del 05.07.2018 (che conferma la sentenza n. 443/2018 già pubblicata su questo sito), il Tribunale di Udine ribadisce che l’orientamento della giurisprudenza di legittimità, secondo cui il creditore può agire contro il fallito in via ordinaria, fuori dalla procedura, per ottenere un provvedimento che, pur non essendo opponibile al momento alla massa dei creditori, divenga eseguibile quando il creditore sia ritornato in bonis, si riferisce esclusivamente al fallito persona fisica (imprenditore individuale o socio illimitatamente responsabile di società di persone), che, con la chiusura del fallimento, necessariamente riacquista la disponibilità del suo patrimonio. Rispetto ad […]

Gli interessi moratori non possono essere cumulati agli interessi corrispettivi al fine usura

GLI INTERESSI MORATORI NON POSSONO ESSERE CUMULATI AGLI INTERESSI CORRISPETTIVI AL FINE USURA Ci viene chiesto se il tasso di interesse di mora, pattuito in un contratto di leasing, possa essere cumulato con il tasso convenzionalmente stabilito per gli interessi corrispettivi al fine di rapportarne il risultato al tasso soglia. Si ritiene quello del cumulo tra interessi moratori ed interessi corrispettivi un falso problema in quanto detto cumulo non può mai rilevare ai fini di una somma numerica dei tassi da raffrontarsi con il tasso soglia, ma solamente con eventuale riferimento alla concreta somma degli effettivi interessi corrispettivi e di mora addebitati al fine di verificare se il conteggio complessivo […]

Ancora sulla clausola rischio cambio inserita nel contratto di leasing

ANCORA SULLA CLAUSOLA RISCHIO CAMBIO INSERITA NEL CONTRATTO DI LEASING Il Tribunale di Udine, con la sentenza n° 836 del 25.06.2018, torna ancora una volta sulla questione della clausola rischio cambio contenuta in un contratto di leasing e conferma che detta clausola soggiace alla normativa speciale anche regolamentare che disciplina l’attività di intermediazione finanziaria. Se la Banca, come nella fattispecie, non ha osservato tale normativa per non aver considerato strumento finanziario detta clausola, la violazione delle regole è in re ipsa ed il Cliente ha diritto a vedersi restituito l’intero importo addebitato a tale titolo. Il principio ribadisce un indirizzo ormai consolidato della giurisprudenza udinese. La sentenza si caratterizza però […]

Nullità di una clausola rischio cambio per immeritevolezza di tutela giuridica

NULLITA’ DI UNA CLAUSOLA RISCHIO CAMBIO PER IMMERITEVOLEZZA DI TUTELA GIURIDICA La Corte d’Appello di Trieste interviene sulla clausola rischio cambio inserita in un contratto di leasing immobiliare e ne dichiara la nullità ex art. 1322 2° comma c.c. per immeritevolezza di tutela giuridica. Il ragionamento della Corte si fonda sul giudizio ex art. 1322 2° comma c.c. che deve attingere al risultato concreto cui tende la pattuizione rispetto alla funzione dichiarata in contratto. In ossequio a recenti dettati della Suprema Corte ciò che conta ai fini della meritevolezza di tutela giuridica di un contratto è la comparazione fra il risultato perseguito e la sua rispondenza, al principio di parità […]

Inesistenza di collegamento negoziale tra mutuo e pegno successivo concesso da terzo

INESISTENZA DI COLLEGAMENTO NEGOZIALE TRA MUTUO E PEGNO SUCCESSIVO CONCESSO DA TERZO Un interessante provvedimento del Tribunale di Treviso del 25.05.2018 tratta la questione del collegamento negoziale tra mutuo e pegno a garanzia per il caso di pegno concesso da terzo in momento successivo alla stipula del mutuo. Nella fattispecie una società aveva stipulato, nel febbraio 2013, un contratto di mutuo con una Banca successivamente posta in liquidazione coatta amministrativa. Nelle more contrattuali detta Banca aveva preteso ed ottenuto, nel settembre 2014, la garanzia di uno dei soci della società mediante pegno dei titoli azionari emessi dalla stessa Banca in suo possesso per un valore doppio dell’importo mutuato ancora dovuto. Successivamente […]