“Emergenza Coronavirus COVID-2019

In seguito agli sviluppi relativi all’emergenza Coronavirus presente nel territorio italiano e alle disposizioni delle Pubbliche Autorità, Vi comunichiamo che: La società de Castello & C. Società tra Avvocati è pienamente operativa in modalità home working in tutte le proprie sedi. I team di professionisti e di staff svolgono regolarmente le proprie attività. L’assistenza prestata non riscontra interruzioni, compatibilmente con le limitazioni imposte dalle Pubbliche Autorità.”

Logo
Foto di Antonio Benedetti da Pixabay

Foto di Antonio Benedetti da Pixabay

Da 30 anni una delle realta’ professionali piu’ significative del mercato legale veneto

Fondato nel 1989 lo Studio de Castello è stato il primo in Italia, dopo l’entrata in vigore nel 2018 della nuova legge per il mercato e la concorrenza, a trasformare in società di capitali la precedente struttura associativa professionale. Grazie all’adozione della forma giuridica di società di capitali tra Avvocati viene garantito il massimo bilanciamento fra interessi di profitto, gestione manageriale ed impegni etici, al fine di garantire un mantenimento e una propria sostenibilità organizzativa in virtù del contemperamento fra principi di buona governance societaria, trasparenza e sostenibilità e principi di deontologia professionale.
Si occupa da sempre di contenzioso bancario e finanziario (financial litigation) e di diritto di famiglia. E’ riconosciuto come una delle più significative boutique legali presenti nel Veneto, da molti anni presente anche a Milano, per la competenza molto specializzata in finanza strutturata per le piccole e medie imprese e diritto fiscale collegato.
Dopo la sede principale di Belluno, nel corso del tempo sono state aperte le altre sedi di Treviso e di Milano, oltre a recapiti in Padova, Roma, Trieste, Udine e Verona, grazie a relazioni professionali di qualità e di lunga durata che tendono a mettere l’Avvocato al centro dell’organizzazione prima come persona che come professionista, ottimizzandone le competenze.

Assiste numerose imprese industriali e commerciali.

Cresciuto costantemente nel corso della sua storia, a de Castello la Clientela riconosce concretezza, innovazione, puntualità e sobrietà.


Cessione in godimento del lastrico solare per ripetitore

Parere CESSIONE IN GODIMENTO DEL LASTRICO SOLARE PER RIPETITORE La Cassazione è intervenuta a Sezioni Unite con la sentenza 30 Aprile 2020, n. 8434 sulla questione della cessione del lastrico solare in godimento ad un terzo per l’installazione di infrastrutture ed impianti, quali ad esempio un ripetitore. Le Sezioni Unite puntualizzano la natura giuridica dello schema negoziale idoneo al raggiungimento dello scopo, sia esso nella forma del contratto ad effetti reali che del rapporto ad effetti personali indicando la strada della riconducibilità del rapporto ad un contratto costitutivo di un diritto di superficie ovvero ad un contratto atipico di concessione ad aedificandum di natura personale. In particolare “il programma negoziale […]

Assegno spedito per posta ordinaria e responsabilità del mittente in caso di sottrazione

ASSEGNO SPEDITO PER POSTA ORDINARIA E RESPONSABILITÀ DEL MITTENTE IN CASO DI SOTTRAZIONE La Cassazione con la sentenza a Sezioni Unite del 26 Maggio 2020, n. 9769 ha statuito che la spedizione per posta ordinaria di un assegno, ancorché munito di clausola di intrasferibilità, costituisce, in caso di sottrazione dell’assegno e riscossione da parte di un soggetto non legittimato, condotta idonea a giustificare un concorso di colpa del mittente, comportando, in relazione alle modalità di trasmissione e consegna previste dal servizio postale, l’esposizione volontaria del mittente a un rischio superiore a quello consentito dal rispetto delle regole di comune prudenza e dal dovere di agire per preservare gli interessi degli […]

Usura: la nullità degli interessi moratori non si estende agli interessi corrispettivi

NEWS USURA: LA NULLITA’ DEGLI INTERESSI MORATORI NON SI ESTENDE AGLI INTERESSI CORRISPETTIVI Con la sentenza del 20 maggio 2020, n. 9237 la Cassazione, dopo aver confermato che, in tema di interessi (sia essi moratori che corrispettivi) ai fini dell’usura, il momento determinante, per la valutazione del superamento della soglia consentita, è quello dell’avvenuta pattuizione, a prescindere dalla circostanza se la Banca li abbia o meno effettivamente riscossi, conferma anche l’orientamento ai sensi del quale la nullità della convenzione riguardante gli interessi di mora non si estende anche al patto che riguarda gli interessi corrispettivi. La sentenza si caratterizza però per aver confermato il principio, anche partendo da una presunta […]

Mutuo fondiario e mutuo di scopo: ritorno al passato?

Parere MUTUO FONDIARIO E MUTUO DI SCOPO: RITORNO AL PASSATO? E’ noto che il mutuo fondiario nasce storicamente come mutuo di scopo per rigenerare e smobilizzare la proprietà fondiaria, e solo dopo l’introduzione del Testo Unico Bancario, che lo ha disciplinato agli articoli 38 e ss., si è scolorato in questa sua caratteristica. Progressivamente nel tempo sia la dottrina che la giurisprudenza hanno abbandonato la linea di pensiero del mutuo di scopo in virtù di una nuova e sempre più moderna concezione di finanziamento, idonea cioè ad individuare qualsiasi mezzo di approvvigionamento (anche del privato). Anche la Banca d’Italia con una comunicazione del febbraio 1994 si sbilanciava a dichiarare che […]

Swap e Pubblica Amministrazione: per le Sezioni Unite della Cassazione nullo se non autorizzato dal Consiglio Comunale, anche in sede di rinegoziazione

SWAP E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PER LE SEZIONI UNITE DELLA CASSAZIONE NULLO SE NON AUTORIZZATO DAL CONSIGLIO COMUNALE, ANCHE IN SEDE DI RINEGOZIAZIONE LEGGI IL CONTENUTO DELL’ARTICOLO PUBBLICATO IN DIRITTO24.ILSOLE24ORE.COM

Cancellazione della società e concordato preventivo

Parere CANCELLAZIONE DELLA SOCIETÀ E CONCORDATO PREVENTIVO Con la sentenza n. 4329 del 20/02/2020 la Cassazione Civile ha confermato il principio per cui ai sensi del combinato disposto degli artt. 2495 codice civile e 10 Legge Fallimentare è precluso al liquidatore della società cancellata dal Registro delle Imprese, di cui, entro l’anno dalla cancellazione, sia domandato il fallimento, di richiedere il concordato preventivo (nello stesso senso l’unico precedente in materia della Suprema Corte n. 21286 del 20.10.2015). La ratio del principio risiede nel venir meno, a seguito della cancellazione della società dal Registro delle Imprese, della finalità principale cui tendono tutte le procedure alternative al fallimento, ovvero il risanamento strutturale […]

La responsabilità dell’avvocato nella presentazione della domanda di concordato preventivo

Parere LA RESPONSABILITA’ DELL’AVVOCATO NELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI CONCORDATO PREVENTIVO L’avvocato che assiste l’imprenditore nella presentazione della domanda di concordato preventivo è tenuto, in adempimento al mandato professionale ricevuto, a rilevare quelle criticità della proposta che ne possono compromettere l’esito oltre alla conformità della domanda di concordato al modello legale con riferimento alla sua fattibilità giuridica. L’inadempimento a detti obblighi, tra i quali vi è anche quello di dissuadere l’imprenditore dal presentare una domanda non conforme al modello giuridico, costituisce grave violazione non solo della diligenza e perizia qualificata e dei doveri di controllo e di coordinamento con gli altri professionisti e di informazione imposti dalla particolare diligenza qualificata […]

Coronavirus e pianificazione finanziaria: il confronto con le Banche per l’accesso al credito

NEWS CORONAVIRUS E PIANIFICAZIONE FINANZIARIA: IL CONFRONTO CON LE BANCHE PER L’ACCESSO AL CREDITO Il lockdown determinato dall’emergenza sanitaria da Covid-19 richiede alle imprese, in breve tempo, di rielaborare il piano previsionale in ottica contingency plan (cd. Piano di Emergenza). Le Imprese dovranno pertanto elaborare uno scenario, costruito sulla base dell’attuale contesto e delle stime prospettiche, che consenta di verificare il mantenimento dell’equilibrio economico patrimoniale e, dunque, delle condizioni di continuità aziendale. Un Piano con cui l’impresa possa valutare l’adozione delle misure sul debito consentite dal DL Liquidità, permettendo quella consapevolezza finanziaria necessaria per un corretto confronto con le Banche per l’accesso al credito in tempo di Coronavirus. Si dovrà […]

La propensione al rischio del Cliente non legittima la mancata informazione da parte della Banca

NEWS LA PROPENSIONE AL RISCHIO DEL CLIENTE NON LEGITTIMA LA MANCATA INFORMAZIONE DA PARTE DELLA BANCA Un interessante sentenza della Cassazione – la n. 7905 del 17 aprile 2020 – statuisce che la generica propensione al rischio dell’investitore, desunta anche dagli investimenti precedenti, non legittima la mancata informazione che la Banca ha il dovere di fornire al Cliente su ogni prodotto finanziario sia al momento dell’acquisto che in corso di esecuzione del contratto finanziario. Anche l’investitore speculativo e orientato e disponibile ad assumersi rischi deve comunque poter valutare la sua scelta speculativa e rischiosa di ogni determinato prodotto finanziario, nell’ambito di tutte le opzioni dello stesso genere offerte dal mercato, […]

Concordato preventivo in bianco e gli obblighi informativi in tempo da coronavirus

NEWS CONCORDATO PREVENTIVO IN BIANCO E GLI OBBLIGHI INFORMATIVI IN TEMPO DA CORONAVIRUS Per costante orientamento della Cassazione (cfr. da ultimo Cassazione Civile, sez. VI, 11 Ottobre 2018, n. 25210. Est. Terrusi), la domanda di concordato preventivo presentata dal debitore non per regolare la crisi dell’impresa attraverso un accordo con i suoi creditori, ma con il palese scopo di differire la dichiarazione di fallimento, è inammissibile in quanto integra gli estremi di un abuso del processo, che ricorre quando, con violazione dei canoni generali di correttezza e buona fede, nonché dei principi di lealtà processuale e del giusto processo, si utilizzano strumenti processuali per perseguire finalità eccedenti o deviate rispetto […]