Home   Articoli   Diritto Tributario   Circolare 1 (DIRITTO TRIBUTARIO) / 11 del 26 maggio 2014

Circolare 1 (DIRITTO TRIBUTARIO) / 11 del 26 maggio 2014

NULLITA’ DEL PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE REDATTO DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE SENZA CONTRADDITTORIO

È nullo l’accertamento se scaturisce da un processo verbale di constatazione (pvc) redatto senza contraddittorio di cui la contribuente era venuta a conoscenza solo con la notifica dell’avviso. È quanto stabilisce la sentenza 492/07/2014 della Commissione tributaria Lombardia.

Una società immobiliare aveva impugnato degli accertamenti lamentando che l’ufficio li aveva basati su una verifica a carico di società terza, seppur appartenente allo stesso gruppo. Gli atti erano stati formati dei verbali di constatazione dei quali la ricorrente era venuta a conoscenza solo con la loro notifica. I giudici tributari di primo grado avevano accolto tale censura e avevano annullato gli avvisi per violazione degli articoli 6 e 12 dello Statuto del contribuente (legge 212/2000).
Se l’amministrazione finanziaria redige un processo verbale di constatazione, rimane sottoposta alla disciplina dell’articolo 12 dello Statuto e, se procede in assenza di qualsiasi forma di contraddittorio, l’avviso di accertamento che ne deriva è inevitabilmente nullo.
La Commissione regionale richiama la sentenza Sopropé (C-349/07) della Corte di giustizia Ue, secondo la quale «i destinatari di decisioni che incidono sensibilmente sui loro interessi devono essere messi in condizione di manifestare utilmente il loro punto di vista in merito agli elementi sui quali l’amministrazione intende fondare la sua decisione e devono beneficiare di un termine sufficiente». E richiama anche la sentenza 18184/2013 delle Sezioni unite della Cassazione, che ha affermato la nullità degli avvisi emessi prima della scadenza del termine dilatorio di sessanta giorni decorrenti dal rilascio della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni al contribuente, nei cui confronti sia stato effettuato un accesso, un’ispezione o una verifica.
La ricorrente non aveva avuto alcuna informazione preventiva dell’inizio della verifica, non le era stata data la possibilità di farsi assistere da un difensore e quindi prima ancora di vedersi preclusa la possibilità di interloquire sulla verifica non le era stato dato nemmeno modo di parteciparvi.