Category Archives: PARERI

Home   PARERI

L’usura nella mora. La questione va alle Sezioni Unite

Parere L’USURA NELLA MORA. LA QUESTIONE VA ALLE SEZIONI UNITE Con l’Ordinanza n. 26946/19 la Cassazione ha rimesso alle Sezioni Unite la questione riguardante la riferibilità della disciplina antiusura anche agli interessi moratori. A tanto si è giunti dopo la sentenza della 3° Sezione della Cassazione 17.10.2019, n. 26286 che, in modo difforme dalle precedenti pronunce della Suprema Corte, ha coniato principi che, in nome del corretto svolgimento del mercato, sembrano sacrificare l’interesse pubblico al contrasto dell’usura. La sentenza n. 26286 ha liquidato, infatti, la distinzione fra interessi corrispettivi e interessi di mora, riferendo i primi alla remunerazione concordata per il godimento diretto di una somma di denaro e i […]

Imposta di registro: illegittima la tassazione dell’atto di riconoscimento di debito utilizzato nel procedimento monitorio al solo scopo di ottenere la provvisoria esecutorietà del decreto ingiuntivo

Parere IMPOSTA DI REGISTRO: ILLEGITTIMA LA TASSAZIONE DELL’ATTO DI RICONOSCIMENTO DI DEBITO UTILIZZATO NEL PROCEDIMENTO MONITORIO AL SOLO SCOPO DI OTTENERE LA PROVVISORIA ESECUTORIETA’ DEL DECRETO INGIUNTIVO. Gli Uffici tributari ritengono a volte di tassare, ai fini dell’imposta di registro, non solo il decreto ingiuntivo, ma anche il “rapporto sottostante” tra le parti, espresso attraverso il riconoscimento di debito, utilizzato nel procedimento monitorio. In buona sostanza l’Ufficio, ritiene così che oggetto di pagamento deve essere sia il decreto ingiuntivo emesso, che il rapporto negoziale e/o semplicemente di fatto che, sicuramente, era intercorso tra le parti e che viene prodotto nel ricorso per decreto ingiuntivo. In certi casi l’Ufficio eroga sanzioni […]

Clausola di foro asimmetrico e abuso del diritto

CLAUSOLA DI FORO ASIMMETRICO E ABUSO DEL DIRITTO Il c.d. foro asimmetrico identifica quella clausola (contenuta anche nei contratti bancari) ai sensi della quale, in caso di controversie giudiziali, una parte – quando non consumatore – può adire un foro solo, mentre l’altra parte ha la facoltà di ricorrere ad una pluralità di fori alternativi, anche i più lontani. La clausola non è equilibrata, e la giurisprudenza ha cominciato da poco ad occuparsene in rapporto ai principi di buona fede contrattuale e dell’abuso del diritto. E’ indiscutibile, infatti, che alla luce delle disposizioni di cui agli articoli 28 e 29 c.p.c., l’autonomia negoziale delle parti gode di ampia discrezionalità in materia […]

Presunzione di frode fiscale per l’imprenditore che non agisce in giudizio per il recupero del credito su fattura

PRESUNZIONE DI FRODE FISCALE PER L’IMPRENDITORE CHE NON AGISCE IN GIUDIZIO PER IL RECUPERO DEL CREDITO SU FATTURA L’imprenditore che non esercita le azioni legali poste a tutela di credito su fattura rischia la condanna per frode fiscale. Si presume, infatti, che le operazioni siano fittizie. E’ questo il principio affermato dalla Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 222 dell’8 gennaio 2020, ha confermato condanna e confisca a carico del rappresentante legale di una società cooperativa che aveva omesso di avviare le dovute azioni legali per il recupero del credito. Ciò, infatti, può costituire indice della falsità delle operazioni. Nella fattispecie, peraltro, è risultata decisiva l’ulteriore circostanza che le […]

Derivati su criptovalute: quale tutela legale?

Parere DERIVATI SU CRIPTOVALUTE: QUALE TUTELA LEGALE? Come è noto da alcuni anni è possibile stipulare e scambiare derivati su criptovalute quali Bitcoin, Etheurum, Ripple, Litecoin e anche Libra, attraverso i quali trasferire grandi volumi di titoli a prezzo concordato. Gli scambi sono regolati e liquidati su un’apposita piattaforma – Deribit – che ha un fondo assicurativo progettato per coprire eventuali perdite. Pur essendo stata fissata da Deribit una dimensione minima e massima per i suoi blocchi per i contratti derivati legati alle due valute digitali, la negoziazione di derivati che hanno come sottostante le criptovalute sono contratti complessi costruiti su asset complessi, e quindi operazioni ad altissimo rischio, tanto […]

Le cripto-attività sono strumenti finanziari?

Parere LE CRIPTO-ATTIVITA’ SONO STRUMENTI FINANZIARI? La recente diffusione di operazioni c.d. di Initial Coin Offerings (ICOs) e di crypto asset, che vedono coinvolti anche i risparmiatori italiani, porta alla ribalta la questione della loro riconduzione alla definizione di strumento finanziario di cui al TUF. La questione coinvolge non soltanto i risparmiatori ma anche i soggetti che emettono crypto asset e/o che intendono promuovere offerte di cripto-attività. Le offerte primarie di cripto-attività e le cripto-attività in genere presentano elementi similari con le offerte pubbliche di strumenti finanziari. La stessa rappresentazione dei rapporti giuridici in un token (c.d. tokenizzazione) presenta profili di analogia con il meccanismo di incorporazione dei diritti del […]

Tassazione fissa e non proporzionale per i trasferimenti di beni in trust

TASSAZIONE FISSA E NON PROPORZIONALE PER I TRASFERIMENTI DI BENI IN TRUST Vengo richiesto di un parere circa la tassazione per i trasferimenti di beni in trust. La questione è da tempo al centro dell’attenzione della Cassazione che, fino all’anno 2015, confermava la legittimità di una tassazione proporzionale, tanto da poter parlare di doppia tassazione, una per il solo fatto della costituzione del vincolo di destinazione, l’altra per il fatto del trasferimento. Successivamente, però, dal 2016 in poi, la Suprema Corte ha mutato radicalmente tale indirizzo, statuendo il principio opposto, ai sensi del quale non esistendo alcun arricchimento immediato per il trustee e nessun trasferimento per i beneficiari – se […]

Diamanti e responsabilità della banca

Parere DIAMANTI E RESPONSABILITA’ DELLA BANCA Mi viene chiesto se la banca, attraverso la cui intermediazione è avvenuto un investimento in diamanti, possa essere ritenuta o meno responsabile dell’eventuale danno derivante dalla perdita totale o parziale dell’investimento. La questione è complessa perché il bene diamante non può essere ricondotto da solo alla nozione di prodotto finanziario. E’ noto infatti che se è vero che in tale nozione, oltre a tutte le figure tipizzate dal Legislatore quali strumenti finanziari, può rientrare anche ogni altra forma di investimento di natura finanziaria, è anche vero che con la sottoscrizione dei contratti di acquisto dei diamanti si determina il trasferimento del diritto di proprietà […]

Home banking e la responsabilità della Banca

Parere HOME BANKING E LA RESPONSABILITA’ DELLA BANCA Mi viene chiesto se la Banca sia responsabile per il caso di operazioni eseguite con home banking non riconducibili al cliente. Nel particolare il cliente lamentava un addebito sul proprio conto corrente non autorizzato di rilevante importo, precisando che tale addebito avveniva appena dopo aver risposto ad un messaggio di posta elettronica riconducibile per denominazione, grafica e contenuto alla propria Banca. In linea generale, è da evidenziare che l’uso dei codici di accesso al sistema da parte di terzi estranei al cliente rientra nel rischio professionale della Banca, prevedibile ed evitabile con opportune misure tecniche volte a verificare la riferibilità delle operazioni al […]

Nullità del contratto di swap stipulato con la P.A. ma privo di firma del suo rappresentante legale

Parere NULLITA’ DEL CONTRATTO DI SWAP STIPULATO CON LA P.A. MA PRIVO DI FIRMA DEL SUO RAPPRESENTANTE LEGALE Al fine di verificarne l’eventuale nullità, mi vengono esibiti un contratto quadro finanziario stipulato da P.A. e un successivo contratto di Interest Rate Swap stipulato da P.A. ma privi della firma del rappresentante legale dell’epoca. Il contratto quadro è composto anche da una delibera consiliare di autorizzazione per stipulare con quella banca un contratto di copertura di un finanziamento già concesso. La questione è dal punto di vista del diritto sostanziale finanziario di facile soluzione. E’ noto infatti che in tema di intermediazione finanziaria, ed alla stregua di quanto sancito dall’art. 23 […]