Category Archives: PARERI

Home   PARERI

Le cripto-attività sono strumenti finanziari?

Parere LE CRIPTO-ATTIVITA’ SONO STRUMENTI FINANZIARI? La recente diffusione di operazioni c.d. di Initial Coin Offerings (ICOs) e di crypto asset, che vedono coinvolti anche i risparmiatori italiani, porta alla ribalta la questione della loro riconduzione alla definizione di strumento finanziario di cui al TUF. La questione coinvolge non soltanto i risparmiatori ma anche i soggetti che emettono crypto asset e/o che intendono promuovere offerte di cripto-attività. Le offerte primarie di cripto-attività e le cripto-attività in genere presentano elementi similari con le offerte pubbliche di strumenti finanziari. La stessa rappresentazione dei rapporti giuridici in un token (c.d. tokenizzazione) presenta profili di analogia con il meccanismo di incorporazione dei diritti del […]

Tassazione fissa e non proporzionale per i trasferimenti di beni in trust

TASSAZIONE FISSA E NON PROPORZIONALE PER I TRASFERIMENTI DI BENI IN TRUST Vengo richiesto di un parere circa la tassazione per i trasferimenti di beni in trust. La questione è da tempo al centro dell’attenzione della Cassazione che, fino all’anno 2015, confermava la legittimità di una tassazione proporzionale, tanto da poter parlare di doppia tassazione, una per il solo fatto della costituzione del vincolo di destinazione, l’altra per il fatto del trasferimento. Successivamente, però, dal 2016 in poi, la Suprema Corte ha mutato radicalmente tale indirizzo, statuendo il principio opposto, ai sensi del quale non esistendo alcun arricchimento immediato per il trustee e nessun trasferimento per i beneficiari – se […]

Diamanti e responsabilità della banca

Parere DIAMANTI E RESPONSABILITA’ DELLA BANCA Mi viene chiesto se la banca, attraverso la cui intermediazione è avvenuto un investimento in diamanti, possa essere ritenuta o meno responsabile dell’eventuale danno derivante dalla perdita totale o parziale dell’investimento. La questione è complessa perché il bene diamante non può essere ricondotto da solo alla nozione di prodotto finanziario. E’ noto infatti che se è vero che in tale nozione, oltre a tutte le figure tipizzate dal Legislatore quali strumenti finanziari, può rientrare anche ogni altra forma di investimento di natura finanziaria, è anche vero che con la sottoscrizione dei contratti di acquisto dei diamanti si determina il trasferimento del diritto di proprietà […]

Home banking e la responsabilità della Banca

Parere HOME BANKING E LA RESPONSABILITA’ DELLA BANCA Mi viene chiesto se la Banca sia responsabile per il caso di operazioni eseguite con home banking non riconducibili al cliente. Nel particolare il cliente lamentava un addebito sul proprio conto corrente non autorizzato di rilevante importo, precisando che tale addebito avveniva appena dopo aver risposto ad un messaggio di posta elettronica riconducibile per denominazione, grafica e contenuto alla propria Banca. In linea generale, è da evidenziare che l’uso dei codici di accesso al sistema da parte di terzi estranei al cliente rientra nel rischio professionale della Banca, prevedibile ed evitabile con opportune misure tecniche volte a verificare la riferibilità delle operazioni al […]

Nullità del contratto di swap stipulato con la P.A. ma privo di firma del suo rappresentante legale

Parere NULLITA’ DEL CONTRATTO DI SWAP STIPULATO CON LA P.A. MA PRIVO DI FIRMA DEL SUO RAPPRESENTANTE LEGALE Al fine di verificarne l’eventuale nullità, mi vengono esibiti un contratto quadro finanziario stipulato da P.A. e un successivo contratto di Interest Rate Swap stipulato da P.A. ma privi della firma del rappresentante legale dell’epoca. Il contratto quadro è composto anche da una delibera consiliare di autorizzazione per stipulare con quella banca un contratto di copertura di un finanziamento già concesso. La questione è dal punto di vista del diritto sostanziale finanziario di facile soluzione. E’ noto infatti che in tema di intermediazione finanziaria, ed alla stregua di quanto sancito dall’art. 23 […]

Funzione di copertura e durata del contratto di Interest Rate Swap

Parere FUNZIONE DI COPERTURA E DURATA DEL CONTRATTO DI INTEREST RATE SWAP Mi viene chiesto se la minor durata di un contratto di Interest Rate Swap rispetto all’indebitamento sottostante possa far venir meno la funzione di copertura dello swap rispetto al contratto di mutuo o finanziamento ( o altro similare) cui accede. La questione riguarda l’accertamento della causa concreta del contratto derivato, anche alla luce della tesi fatta propria di recente dalla Suprema Corte della nullità di un contratto ex art. 1322 2°comma c.c. per immeritevolezza. E’ indubbio che una durata del contratto di Interest Rate Swap minore del contratto di mutuo o finanziamento da coprire induce al sospetto di […]

LCA delle Banche Venete ed art. 3 comma 1 lettera b) del D.L. 99/2017

Parere LCA DELLE BANCHE VENETE ED ART. 3 COMMA 1 LETTERA B) DEL D.L. 99/2017 Mi viene chiesto se nella previsione di esclusione dalla cessione dalla LCA delle Banche Venete di cui all’art. 3 comma 1 lettera b) del D.L. 99/2017 rientri o meno la controversia giudiziale già corrente al tempo della messa in liquidazione delle Banche Venete, promossa da un azionista per la violazione della normativa sulla prestazione dei servizi di investimento riferita a dette azioni. E’ noto che la successione di Banca Intesa nei rapporti con i terzi delle due Banche Venete poste in LCA è disciplinata, da un lato, nel D.L. 99/2017 e, dall’altro lato, dal contratto di […]

Contratto di swap e diritto di recesso per contratto stipulato fuori sede

Parere CONTRATTO DI SWAP E DIRITTO DI RECESSO PER CONTRATTO STIPULATO FUORI SEDE Vengo richiesto di un parere sulla questione se la disciplina del diritto di recesso ex art. 30 T.U.F. si applichi o meno ad un contratto di swap proposto e stipulato dalla Banca a Cliente al dettaglio fuori sede. La Corte di Cassazione ha affrontato a Sezioni Unite, con la sentenza 13905/2013, la questione della disciplina del diritto di recesso di cui all’art. 30 T.U.F., statuendo che tale diritto si applica non soltanto alle operazioni compiute nell’ambito della prestazione di un servizio di collocamento in senso proprio, ma anche a qualsiasi altra ipotesi in cui l’intermediario venda fuori […]

Inadeguatezza dell’investimento per dimensione ed obbligo di astensione della Banca

Parere INADEGUATEZZA DELL’INVESTIMENTO PER DIMENSIONE ED OBBLIGO DI ASTENSIONE DELLA BANCA Vengo richiesto di un parere sulla questione relativa all’inadeguatezza di un investimento in titoli dello stesso tipo (azionari) e dello stesso settore (bancario) con particolare riferimento al profilo dimensionale nonché all’eventuale obbligo della Banca di astensione dall’operazione. La materia è compiutamente disciplinata dal T.U.F. e dalle relative norme regolamentari di attuazione CONSOB oltre che da una serie di circolari ABI. La diversificazione dell’investimento, nel senso di una suddivisione dell’investimento in più prodotti è la regola che ogni intermediario finanziario deve seguire per la Clientela, anche quella con propensione al rischio “alta”. La giurisprudenza si è più volte pronunciata a […]

La valutazione di adeguatezza per la prestazione di servizi su strumenti finanziari in regime di cointestazione

Parere LA VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI SU STRUMENTI FINANZIARI IN REGIME DI COINTESTAZIONE Vengo richiesto di un parere sulla questione relativa alle modalità con le quali la Banca deve procedere alla valutazione di adeguatezza dell’operazione finanziaria nel caso di prestazione di servizi su strumenti finanziari in regime di cointestazione. In particolare mi viene chiesto se nell’eseguire l’operazione finanziaria di un conto cointestato la Banca debba tenere conto del profilo di rischio di uno solo o parte dei cointestatari o dei profili di rischio di tutti i cointestatari. Nella prassi le Banche, in caso di cointestazione di un contratto per l’operatività su strumenti finanziari, procedono ad una […]