Logo
Foto di Antonio Benedetti da Pixabay

Foto di Antonio Benedetti da Pixabay

de Castello & C. Società tra Avvocati s.r.l.
eletto da un'indagine curata da Statista e il Sole 24 Ore
tra "GLI STUDI LEGALI DELL'ANNO 2021"
e tra "GLI STUDI LEGALI DELL'ANNO 2022"

Costituito il 28 settembre 1992 in forma di associazione fra professionisti, lo Studio de Castello è stato il primo in Italia, dopo l’entrata in vigore nel 2018 della nuova legge per il mercato e la concorrenza, a trasformare in società di capitali la precedente struttura associativa professionale. Grazie all’adozione della forma giuridica di società di capitali tra Avvocati viene garantito il massimo bilanciamento fra interessi di profitto, gestione manageriale ed impegni etici, al fine di garantire un mantenimento e una propria sostenibilità organizzativa in virtù del contemperamento fra principi di buona governance societaria, trasparenza e sostenibilità e principi di deontologia professionale.
Si occupa da sempre di contenzioso bancario e finanziario (financial litigation) e di diritto di famiglia. E’ riconosciuto come una delle più significative boutique legali presenti nel Veneto, da molti anni presente anche a Milano, per la competenza molto specializzata in finanza strutturata per le piccole e medie imprese e diritto fiscale collegato.
Dopo la sede principale di Belluno, nel corso del tempo sono state aperte le altre sedi di Treviso e di Milano, oltre a recapiti in Padova, Roma, Trieste, Udine e Verona, grazie a relazioni professionali di qualità e di lunga durata che tendono a mettere l’Avvocato al centro dell’organizzazione prima come persona che come professionista, ottimizzandone le competenze.

Assiste numerose imprese industriali e commerciali.

Cresciuto costantemente nel corso della sua storia, a de Castello la Clientela riconosce concretezza, innovazione, puntualità e sobrietà.


Non è nullo l’atto di precetto che si limiti alla mera indicazione della somma dovuta

NON È NULLO L’ATTO DI PRECETTO CHE SI LIMITI ALLA MERA INDICAZIONE DELLA SOMMA DOVUTA L’atto di precetto notificato dal creditore che si limiti all’indicazione della somma dovuta, senza alcuna spiegazione del procedimento logico-giuridico e del calcolo matematico seguiti per determinarla, è assolutamente valido e non inficiato da nullità ai sensi dell’art. 480 c.p.c., comma II. Questo è quanto ha ricordato la Cass. n. 8096/2022 che, richiamando alcuni suoi precedenti, ha escluso che possa essere accolta eventuale opposizione ex art. 617 c.p.c. fondata sulla sola assenza dell’esplicitazione del procedimento seguito per determinare la somma dovuta sulla base del titolo esecutivo. La fattispecie verteva su di un atto di precetto indicante […]

Il tradimento all’interno del nucleo familiare consente al coniuge la revocazione della donazione

IL TRADIMENTO ALL’INTERNO DEL NUCLEO FAMILIARE CONSENTE AL CONIUGE LA REVOCAZIONE DELLA DONAZIONE La sentenza della Corte di Cassazione n. 19816/2022 ha esaminato una delle fattispecie presentate dall’art. 801 c.c., vale a dire la revocazione della donazione per ingiuria grave. Nello specifico trattavasi di una donazione tra coniugi, dove l’ingiuria consisteva nell’adulterio del marito avvenuto all’interno del nucleo familiare e dello stesso ambiente lavorativo, con la moglie del fratello della coniuge. Il caso ha permesso alla Corte di definire i limiti dell’“ingiuria grave”. Secondo la Corte, infatti, l’articolo 801 c.c. va a tutelare interessi ulteriori a quelli patrimoniali, quali la dignità e l’onore, appartenenti al patrimonio morale della persona. Un […]

Le responsabilità in ambito sciistico

Evento formativo LE RESPONSABILITA’ IN AMBITO SCIISTICO Sabato 01 Ottobre 2022 ore 9.30 Ciasa de ra Regoles – Museo “Mario Rimoldi” – Cortina d’Ampezzo (BL) VAI ALLA BROCHURE

Cambio di residenza dei figli minori deciso unilateralmente da un solo genitore. Interesse preminente dei figli. Diritto alla bigenitorialità

CAMBIO DI RESIDENZA DEI FIGLI MINORI DECISO UNILATERALMENTE DA UN SOLO GENITORE. INTERESSE PREMINENTE DEI FIGLI. DIRITTO ALLA BIGENITORIALITA’ Il principio a tutela dell’interesse preminente dei figli minori al quale s’inspira la Suprema Corte di Cassazione in materia di affidamento è quello della “bigenitorialità”, ovverossia il diritto dei minori alla garanzia della presenza comune dei genitori e della continuità delle relazioni affettive con entrambi. In base ad esso le controversie familiari vanno sempre risolte valutando e salvaguardando il preminente interesse dei figli, in quanto superiore e come tale privilegiato rispetto a quello dei genitori. In tale ottica si pone l’ordinanza della Cassazione I° sezione civile pubblicata il 06.07.2022 che si […]

Il diritto degli ascendenti alla relazione con i nipoti minori

IL DIRITTO DEGLI ASCENDENTI ALLA RELAZIONE CON I NIPOTI MINORI Nel settore famiglia una questione ricorrente è il mantenimento della relazione nonni-nipoti, quando la crisi del rapporto tra i genitori naturali o legalmente separati degrada in un conflitto personale così aspro da riflettersi anche sui nonni paterni e materni che ne sono coinvolti loro malgrado, con la ripercussione di non riuscire più a vedere i nipoti. Tale situazione non è di poco conto, non solo per la frequenza con cui si ripete, ma per le conseguenze spesso irreversibili che ne derivano a seconda della tempestività o meno con cui l’Autorità Giudiziaria interviene, quando chiamata, a tutelare il diritto degli ascendenti […]

L’avvocato tra tradizione, novità ed equilibrismi

Evento formativo L’AVVOCATO TRA TRADIZIONE, NOVITA’ ED EQUILIBRISMI Giovedì 16 giugno e Venerdì 17 giugno 2022 (in specifico “IL NUOVO PERIMETRO DELLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA E IL RUOLO DELL’AVVOCATO” – Venerdì 17 giugno 2022 – Avv. Cecilia Franciosi, Relatrice – ore 11.10) Treviso – Sede Provincia di Treviso “Sant’Artemio” – Via Cal di Breda, 116 VAI ALLA BROCHURE

L’affido. Una scelta d’amore

Convegno giuridico sull’affido familiare L’AFFIDO. UNA SCELTA D’AMORE Sabato 02 Aprile 2022 ore 9.30 – 12.30 Centro Culturale Casa A. Zanussi – Via Concordia, 7 – Pordenone VAI ALLA LOCANDINA DELL’EVENTO ED ALLA RELATIVA BROCHURE

La tutela dei diritti della persona nel Metaverso

LA TUTELA DEI DIRITTI DELLA PERSONA NEL METAVERSO   La questione della tutela dei diritti della persona nel Metaverso è salita alla ribalta recentemente, nel marzo 2022, quando un’utente ha denunciato di essere stata violentata proprio nella piattaforma Meta Horizon Worlds. Una donna ha infatti riportato che il suo avatar avrebbe subito delle vere e proprie molestie sessuali: sarebbe stato condotto forzatamente in una stanza e, in seguito, molestato da altri avatar, mentre alcuni utenti assistevano alla scena senza intervenire. Horizon di Meta, nello specifico, è una piattaforma social fruibile attraverso il VR, la tecnologia che permette di utilizzare la realtà virtuale. Il Metaverso è un vero e proprio mondo virtuale, […]

Mancata partecipazione ad un concorso e danno patrimoniale risarcibile per perdita di chance

MANCATA PARTECIPAZIONE AD UN CONCORSO E DANNO PATRIMONIALE RISARCIBILE PER PERDITA DI CHANCE   La Cassazione civile del 17.02.2022 n. 5231 ha dibattuto la seguente questione: in quali casi la perdita di chance costituisce un danno patrimoniale risarcibile? Nello specifico, la ricorrente lamentava di non aver potuto partecipare ad un concorso universitario a causa del ritardo con il quale le era stata consegnata una lettera raccomandata proveniente dall’università; sosteneva, infatti, come proprio il ritardo le avesse impedito di prendere parte al concorso bandito per il conseguimento di un dottorato di ricerca, e che quindi le spettasse un risarcimento del danno fondato sulla perdita di chance che il ritardo le aveva […]

Prenotazione degli alberghi a distanza: quando nasce il vincolo?

PRENOTAZIONE DEGLI ALBERGHI A DISTANZA: QUANDO NASCE IL VINCOLO?   Il tema della prenotazione degli alberghi a distanza, attraverso le piattaforme di prenotazione online, è giunto innanzi alla Corte di Giustizia, che ha stabilito, nella sentenza C-249/21 del 7 aprile 2022, quando possa ritenersi sorto il vincolo tra il consumatore e l’albergo nel contratto concluso a distanza. La vicenda era sorta in seguito alla prenotazione effettuata su una piattaforma online da un consumatore, il quale, in seguito, non si era presentato alla struttura. Quest’ultima, in conformità alle condizioni generali proposte sul sito, addebitava al consumatore le spese di cancellazione, fissando termine di cinque giorni per il pagamento di tale importo: […]